COMUNICATO STAMPA

Ex caserma di via Mascheroni, Milano Unita: “Ecco il nostro progetto per il suo recupero”Milano, 20 settembre 2021 – La lista Milano Unita ha presentato questa mattina il progetto per il recupero dell’area intorno all’ex caserma di via Mascheroni a Milano. Un’area appartenente al municipio 1, a ridosso del centro storico, da recuperare attraverso un intervento architettonico che definisce al meglio l’idea che Milano Unita ha dell’abitare e delle politiche urbanistiche: nessuna demolizione ma recupero di edifici storici, nessun consumo di suolo, nuovi spazi verdi, soluzioni abitative all’interno del Municipio 1 alla portata di cittadini di ogni livello sociale.

L’area interessata all’intervento di recupero avrà come edificio di riferimento l’ex caserma di via Mascheroni, per una superficie complessiva di 46 mila metri quadri; quattro edifici verranno trasformati in appartamenti, circa 250 per mille abitanti; il corpo principale di via Mascheroni si trasformerà invece in un polo di servizio pubblico: biblioteca comunale, spazio di aggregazione per il quartiere e una Casa della salute. Importante sarà anche il ruolo dell’Agorà, area di 4 mila metri quadri da destinare a spettacoli dal vivo e attività sportive. Il tutto in un’ottica di riconversione ambientale, con nuovi spazi verdi e risparmio energetico; tutti gli edifici saranno inoltre adeguati alle esigenze dell’isolamento termico interno e saranno riscaldati da una sistema combinato di fotovoltaico, geotermia e pompe di calore. La parte attualmente più isolata, quella a ridosso della via Reggimento Savoia Cavalleria, sarà trasformata in una via da vivere grazie alle presenza di negozi di quartiere, laboratori artigianali e un asilo nido.”Siamo convinti del grande valore dell’iniziativa. – hanno dichiarato i capigruppo di Milano Unita, Paolo Limonta ed Elena Lattuada – In una zona come quella del municipio 1 si fa finalmente un’operazione di riallocazione, costruendo un mix sociale che ridarebbe vita a un’area in disuso. Un progetto che non contempla centri commerciali ma negozi di prossimità, un progetto che non pensa a uno sviluppo della città in verticale ma in orizzontale. L’obiettivo è che la prossima amministrazione comunale prenda in considerazione questa innovativa idea di recupero”.

“L’emergenza sanitaria che abbiamo vissuto – concludono Limonta e Lattuada – dovrebbe averci insegnato che lo sviluppo della città passa attraverso progetti come quello presentato oggi: si vuole trasformare un luogo militare in un luogo civile, un luogo dotato di una Casa della salute a disposizione dei cittadini e simbolo di una sanità aperta a tutti: priorità per Milano che dopo la pandemia in troppi stanno dimenticando”.

In allegato si allega il contenuto della cartella stampa che abbiamo distribuito questa mattina.