COMUNICATO STAMPA

Lavoro, Milano Unita: “Lo chiedono i milanesi: da parte nostra ci sarà massimo impegno per l’occupazione e particolare attenzione a giovani e donne”

Milano, 16 settembre 2021 – Il sondaggio realizzato oggi da Ipsos per il Corriere della Sera evidenzia alcune priorità che secondo i milanesi il futuro sindaco dovrà subito affrontare per il bene della città: il 21% degli intervistati ha indicato nel lavoro – al 4° posto tra le risposte, preceduto da periferie, sicurezza e traffico – uno degli aspetti da affrontare con maggiore attenzione.

Elena Lattuada e Paolo Limonta, capilista di Milano Unita, sanno bene che “il lavoro è una dei settori a cui i cittadini guardano con maggiore preoccupazione. Parlare di ‘lavoro buono’, per noi significa prestare particolare attenzione e favorire l’occupazione femminile e dei giovani, certamente oggi, anche nella nostra città, più a rischio di altri. A rischio soprattutto in vista del 31 ottobre, data in cui è fissato il termine del blocco dei licenziamenti, nei settori con meno protezioni sociali.
Parlare di “lavoro buono” , ad esempio, vuol dire estendere alle municipalizzate il “protocollo sul lavoro negli appalti”, rendendo esigibile la sua integrale applicazione, ancora oggi disattesa.
La nostra idea di politica per Milano”, continuano, “è anche quella di potenziare il ruolo e le funzioni della PA, sia sul versante degli organici che delle capacità di indirizzo e controllo”. Pensiamo al potenziamento degli organici della pubblica amministrazione; pensiamo alla necessità della reinternalizzazione delle attività inerenti alla cura e alla presa in carico delle persone. Pensiamo ai fondi del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza), che devono essere indirizzati anche alle città per un utilizzo chiaro ed efficace a vantaggio e per la creazione di lavoro”.