C’è chi con la pandemia ha perso il lavoro e chi è stato spremuto dalle proprie aziende, in particolare nell’e-commerce e nel settore dei riders.

Lunedì 22 marzo, per la prima volta, sciopererà l’intera filiera di Amazon. Le lavoratrici e i lavoratori chiedono unitariamente il monitoraggio dei ritmi e dei carichi di lavoro, che risultano essere raddoppiati in questo periodo.

Venerdì 26 marzo, sciopereranno i riders, in seguito al clamoroso colpo al caporalato digitale inferto dalla procura di Milano: chiedono il riconoscimento dello status di lavoratori.

Milano è una città protagonista nel settore delle consegne del cibo e del commercio on line. Per questo, come Milano Unita, continuiamo a chiedere che il Comune adotti una Carta del Lavoro buono per bandire definitivamente tutte le forme di sfruttamento dei lavoratori con l’intento di essere da esempio per altre città e di divenire motore di un profondo cambiamento sociale.

Ci uniamo alla protesta per la tutela dei diritti di tutte e tutti. Invitiamo tutte e tutti a non comprare su Amazon lunedì 22 marzo ed a evitare le app di delivery venerdì 26 marzo.

Tutta la città unita contro lo sfruttamento!
MILANO UNITA PER IL LAVORO BUONO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui