Oggi è la Giornata mondiale contro la discriminazione razziale. Fu proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1966, in ricordo del massacro di Sharpeville (Sudafrica), dove 300 poliziotti bianchi uccisero 69 neri che manifestavano contro l’Urban Areas Act, legge che imponeva un lasciapassare per entrare nelle aree riservate ai bianchi.
Ma il passato non è passato; in forme diverse e luoghi molto più vicini a noi, piccoli e grandi segnali di discriminazione e violenza ricordano che c’è da combattere il virus del nazionalismo, del razzismo, della xenofobia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui